La famiglia cottolenghina in Ecuador

Visualizza Ecuador in una mappa di dimensioni maggiori

L’Ecuador si trova a nord-ovest dell’America del sud ed è attraversato dall’Equatore da cui prende nome. Confina a nord con la Columbia, a est e a sud con il Perù e a ovest con l’Oceano Pacifico; è un paese ricco di risorse naturali, però ancora poco utilizzate per contribuire al miglioramento del programma sociale.

Gli indigeni e i contadini emigrano nelle città in cerca di un lavoro che non trovano; situazione questa che spesso favorisce la violenza, la delinquenza e la guerriglia giovanile particolarmente nelle periferie delle città. Un tempo lo Stato era piuttosto assente nel problema della salute, dell’educazione, del lavoro per questo molte persone emigravano, particolarmente nei paesi Europei. La corruzione nel settore politico era grande e nessun presidente della Repubblica riusciva a terminare il suo mandato; ribellioni del popolo e colpi di stato mandavano il Presidente in esilio o in prigione. L’attuale Governo sembra più stabile e impegnato nel campo educativo, sanitario e comunicativo.

 

In questa terra nel gennaio 1988 arrivarono i Cottolenghini con nel cuore la Parola del Santo:
 
“Andate in nome di Dio, non temete di nulla. Egli vi accompagnerà; la Piccola Casa si ricorderà di voi e voi a vostra volta ricordatevi di esserne le figlie predilette” ( F.P. 96 )"
 
I Superiori della Piccola Casa, su invito di Mons. Bartolucci, accettarono la Missione di Esmeraldas, città che si affaccia sull’Oceano Pacifico.
Nel 1988 si iniziò subito con la presenza cottolenghina di un Sacerdote, dei Fratelli e delle Suore che si dedicarono con entusiasmo all’evangelizzazione. La Comunità viveva e vive tutt'ora nel barrio Nuova Speranza nord nella Parrocchia di S. Marianita.
Dopo circa un anno di “sostituzioni” in varie parrocchie del Vicariato de Esmeraldas, tra le quali anche l’esperienza al campo ad Atacames, il vescovo affida ai sacerdoti cottolenghini la parrocchia di sta. Marianita, staccatasi negli anni 60 dalla parrocchia Virgen de Fátima.
Le Sorelle inizialmente visitarono tutte le famiglie del barrio per conoscere le necessità più urgenti che risultarono quelle della salute e dell’educazione. Per questo nel 1990 costruirono un dispensario medico e nel 1993 la Scuola Materna, gioia di tutte le famiglie. Intanto si notava un miglioramento nello stile di vita della gente del barrio; nel 1997–98 l’educazione di base della scuola divenne obbligatoria fino a 10 anni perciò si costruì una scuola primaria per la continuità dell’educazione; nell’anno 2006 si completa la unità educativa con la costruzione del collegio.
Il santo diceva: “Bisogna confidare e confidare sempre in Dio: e se Dio risponde con la sua divina provvidenza alla confidenza ordinaria, a chi straordinariamente confida, straordinariamente pure Egli provvede”. ( F. P. 41 )
 
Così nel 1996 si apre una nuova Comunità in Quito e questa comunità si dedica alla accoglienza dei cottolenghini e al servizio pastorale-sociale.
Nel 2002 si formò la Comunità di Manta che si dedica alla pastorale e al servizio sociosanitario nella Parrocchia “La Dolorosa” e nei barrios: St. Martha, Abdon Calderon, Los Geranios.
A Tachina (periferia di Esmeraldas) e a Manta (Funteman) i Fratelli cottolenghini gestiscono un ricovero per anziani.

 


Piccola Casa della Divina Provvidenza, via S. G. Cottolengo, 14 - Torino, tel.+390115225111 — Cookie policy