LA RELIQUIA DEL BEATO FRANCESCO PALEARI
 a Manziana

Nel pomeriggio di domenica 9 febbraio abbiamo accolto nella Cappella del nostro Monastero la reliquia “pellegrina” del Beato Francesco Paleari, accompagnata dalla Superiora e dalle Sorelle della Comunità di Avigliano Umbro, insieme al loro Parroco e alcuni laici. La semplice ma suggestiva cerimonia di “passaggio del testimone” ci ha viste impegnate in una breve processione dalla portineria al Coro, mentre le Sorelle anziane ci attendevano là, pronte a venerare la reliquia di don Franceschino, prima fra tutte la nostra Sr. Paola di 103 anni, la sola ad aver avuto la fortuna di conoscerlo di persona. Davanti al suo ritratto ha esclamato: “Tu sei già in Paradiso e io sono ancora qui!”.

Essendo un giorno in anticipo sulla tabella di marcia, il lunedì ci siamo incontrate per meditare insieme alcuni testi del Beato e per l’adorazione eucaristica; invece martedì 11, memoria liturgica della Beata Vergine Maria di Lourdes, abbiamo pregato il S. Rosario con alcuni laici che frequentano il nostro Monastero, ricordando in particolare tutti gli ammalati, quelli che spesso bussano in parlatorio per affidarsi alla preghiera della Comunità e tanti altri per cui nessuno prega!

Nel pomeriggio è venuto don Carmine Arice a raccontarci un po’ la storia del Beato Francesco Paleari, la sua santità, il suo essere prete del Cottolengo fino in fondo e quindi stimolo ed esempio per tutti i figli della Piccola Casa nel camminare verso il Paradiso, come desiderava il nostro Santo. In serata le foto della ricognizione delle spoglie mortali e un po’ di condivisione fraterna sul significato profondo dell’esperienza di don Franceschino per le Suore di vita contemplativa e per le future generazioni di cottolenghini.

Mercoledì 12 abbiamo celebrato una Liturgia della Parola vocazionale con alcuni brani del Beato, affidando alla sua intercessione tante e tante intenzioni di preghiera, ma anche per ringraziare il Signore di questo grande dono per la Chiesa e per la Piccola Casa. Infine giovedì mattina la Celebrazione eucaristica in memoria del Beato Francesco Paleari ha concluso questi giorni di più intenso raccoglimento attorno alla reliquia, presentando ancora al Signore tante espressioni di lode e di richiesta.

Verso le 14,30 don Pasquale con la Superiora della Casa di Roma e una ricca rappresentanza della Piccola Casa di Roma (sacerdoti, suore, ospiti) arrivano per continuare il pellegrinaggio della reliquia nella Capitale. La semplice cerimonia con il canto del Magnificat segna il passaggio dalle mani della nostra Priora Sr. Rossella a quelle della Superiora Sr. Caterina.

Durante le notti la reliquia era portata presso l’infermeria, un po’ per sicurezza, ma soprattutto perché fosse un segno di bontà del Signore accanto alle nostre Sorelle anziane e ammalate.

Deo gratias! per questo dono, per tante grazie ricevute, ma anche perché la Chiesa ha riconosciuto nel Beato Francesco Paleari una santità cottolenghina specifica, per noi modello e compagno nella Comunione dei Santi!

 


Piccola Casa della Divina Provvidenza, via S. G. Cottolengo, 14 - Torino, tel.+390115225111 — Cookie policy